Natale in Giappone ☼ Christmas in Japan

Natale è un periodo dell’anno dedicato alla famiglia e a coloro che amiamo, con tavole imbandite, pacchetti di mille colori sotto l’albero pronti per essere scartati e tornei di carte mangiando torrone. Avete mai pensato di cambiare, per un anno, e trascorrere le feste all’estero? Io sì, e ho scelto un paese lontanissimo dalle tradizioni natalizie: il Giappone. Le religioni più praticate nell’isola sono lo Shintoismo ed il Buddhismo, mentre il Cristianesimo è presente sul territorio ma conta un numero limitato di fedeli. Di conseguenza, ho dovuto scordarmi vetrine addobbate, alberi di Natale e luminarie per le vie della città. Le uniche eccezioni sono gli alberghi: nelle hall è possibile trovare alberi di Natale appositamente per i clienti stranieri, ma non lasciatevi ingannare perchè tali alberi vengono montati la mattina del 25 dicembre e tolti la sera stessa (purtroppo è capitato anche nel mio hotel). D’altronde non è importante, poichè il Giappone offre talmente tante bellezze al visitatore, che il Natale passa in secondo piano! Il mio hotel era nella capitale, Tokyo e una cosa che colpisce, camminando per le vie del cento, soprattutto a Ginza (il vero cuore della città con i suoi mille attività commerciali), sono le vetrine dei negozi che espongono la merce con la tradizionale precisione giapponese.

Immagine

Ad esempio, i fiorai dispongono i mazzi di fiori in base alla gradazione del colore, creando una pennellata multicolore che cattura lo sguardo del passante. Negli alimentari, invece, è normale trovare in vetrina delle pietanze già cucinate e predisposte nel piatto. Sono talmente belle che sembrano finte! Quello che sciocca un Italiano in Giappone, è l’estrema puntualità dei mezzi pubblici: la metro arriva in stazione nel momento esatto in cui scatta la lancetta dell’orologio, e le porte si aprono esattamente nello spazio segnalato sulla banchina senza sforare di un millimetro. Quindi ci si può mettere in fila solo in quello spazio, ma attenzione! Bisogna entrare in fila indiana: una volta stavo chiacchierando con mia madre e lei era affianco a me. In un batter di ciglia, ecco che si era formata un’altra fila dietro di lei. Accorgendosi del tragico errore, mia madre è rientrata nella fila principale, creando il panico dei poveri Giapponesi … Non giudicateci, siamo Italiani! Se notate che le stazioni sono pulitissime e senza un chewing gum attaccato sul pavimento o sui sedili, dovete ringraziare i bambini delle elementari: sono loro che, durante le vacanze estive, provvedono a raccogliere una dopo l’altra, le gomme schiacciate (probabilmente dai turisti). Non preoccupatevi di svegliare un Giapponese sulla metro, loro dormono in piedi appena si chiudono le porte ma quando arriva la loro fermata, spalancano gli occhi e scendono.
Un quartiere imperdibile per gli appassionati di elettronica è Akihabara, soprannominata Electric Town, dove si trovano esclusivamente negozi di elettronica e ristoranti. Qui troverete anche vecchie valvole, pezzi di ricambio per qualsiasi apparecchiatura elettronica, bancarelle di surplus e tutto ciò che serve per fare ed ascoltare musica.

Immagine
Per concludere il soggiorno in Giappone, regalatevi una giornata in un mondo fantastico: Disneyland Tokyo! Facilmente raggiungibile con la metropolitana, vi affascinerà e vi farà ritornare bambini. A pranzo con Topolino, entrare nella casa di Pippo e guidare la macchina di Paperino… L’attrazione a mio avviso più simpatica è stata la parata dei carri delle principesse: Biancaneve, Cenerentola, Ariel … ma con gli occhi a mandorla!

Immagine
Con la sua perfezione, tecnologia e cordialità, il Giappone mi è rimasto nel cuore e spero di aver attirato la vostra attenzione su un paese agli antipodi della nostra mentalità.

PICCOLE COSE DA SAPERE 

1) In Giappone adorano la pasta. Al Dente e Al Cartoccio sono le catene più diffuse per gustare questa prelibatezza italiana, ma attenzione, sono i Giapponesi stessi a prepararla utilizzando prodotti italiani, soprattutto la pasta Barilla.

2) Se pensate che i Giapponesi siano perfetti, dovete sapere che nelle cabine telefoniche ci sono delle agendine con le foto, il numero di telefono e il tipo di prestazione sessuale offerta dalle studentesse che si prostituiscono per vivere nella grande città. Rimanendo sul tema della perversione, non stupitevi di trovare bancarelle che vendono biancheria femminile sporca: le mutandine delle ragazze sono una merce preziosa!

3)  Il saluto utilizzato è l’inchino. Rifiutando ogni contatto fisico, il Giapponese preferisce mostrare rispetto per l’interlocutore in questo modo, e la profondità dell’inchino è proporzionale all’intensità del rispetto per quella persona. Per gli stranieri, solitamente l’inchino è appena accennato.

 cornicetta

Christmas is a period of the year to spend with family and people we love, with a sumptuously decked table, colored packets under the Christmas three ready to be opened, and card tournaments eating nougat. Have you ever considered changing the tradition for a year and spending holidays abroad? I did, and I chose a country which is very far from Christmas traditions: Japan. The most widespread religions in the island are Shinto and Buddhism, whereas Christianity has a small number of devoted in Japan. As a consequence, I had to forget about adorned shop windows, Christmas threes and illuminations around the city. Hotels are the only exception: you can always find a Christmas three in the hall, specifically for the foreign customers, but do not cry victory because those threes are assembled on december 25th in the morning and disassembled at evening (unfortunatelly it happened in my hotel too). However this does not matter because Japan is so full of beauties for tourists that you will forget about Christmas! My hotel was located in the capital, Tokyo, and something that really striked me while walking around the city center, expecially in Ginza (the center of the city with many many shops), were the shop windows displaying their merchandise with the well-known Japanese precision.

Immagine

For example, florists display the bunch of flowers according to the color gradation, creating a multicolored brush stroke that gains the attention of the passer-by. In food shops, instead, finding already-cooked food arranged on a serving dish in the shop window is just normal. It looks so good that you may think it is made of plastic! The thing that really shocks an Italian visiting Japan is the extreme punctuality of public transport: the train arrives to the station in the exact moment when the clock strikes, and the doors open in the exact area signalled on the platform without exeeding the limit. So people must get in line in that precise area, but be careful! It must be a single file: one day I was talking with my mum and she was beside me, and in the twinkling of an eye, people were getting in line behind her. Realizing what was happening, my mum got back in the main line, and Japanese people panicked… Do not judge us, we are Italians! If you realize that the stations are very clean without chewing gums on the floor or on the seats, you must thank children attending primary school: it is them who, during holidays, pick chewing gums up (probably left by tourists). Do not worry about waking up a Japanese on the train, they fall asleep as soon as the doors close, and they wake up when the train arrives to their stop.

An unmissable district for those who love electronics is Akihabara, also known as the Electric Town, exclusively full of electronics shops and restaurants. Here you can even find old electronic tubes, spare parts for every type of electronic device, stands selling surplus and everythign you need to play or listen to music. 

Immagine

To end your journey in Japan, have a relaxing day in a magic world: Disneyland Tokyo! Well connected to the city trough the underground, it will fascinate you and make you remember your childhood. Having luch with Mikey Mouse, visiting Goofy’s house, driving Donald Duck’s car … In my opinion, the most pleasant attraction was the parade of Disney princess’ floats: Snow White, Cinderella, Ariel … but with almond eyes!

Immagine

With its perfection, technology and politness, Japan will always be in my heart and I hope I drew your attention on a country which is poles apart the Italian mentality.

LITTLE THINGS YOU MAY NEED TO KNOW 

1) Japanese people love pasta. Al Dente and Al Cartoccio are the most widespread chains of restaurants to eat this Italian delicacy, but it is cooked by Japanese chefs using Italian products, especially Barilla pasta.

2) If you think Japanese people are perfect, just give a look at the call boxes: you will find little agendas containig photos, telephone numbers and the type of sexual performance offered by young female students who prostitute themselves to earn money in order to live in the metropolis. Talking of perversion, do not be astonished to find stands selling used female underpants: they are a valuable asset!

3) The most common greeting is bowing. Hating any physical contact, Japanese people prefer showing their respect for the interlocutor in this way, and the depth of the bow depends on how much the Japanese respects him/her. When speaking with foreign people, they usually bow slightly.

Annunci

2 thoughts on “Natale in Giappone ☼ Christmas in Japan

  1. Ci andremo fra un paio di mesi e il tuo bel racconto mi è piaciuto molto.
    Io non bravo come te con le parole e quindi spero di riportare un racconto con le immagini altrettanto interessante.
    Ciao
    Franco

    • Ti ringrazio 🙂 Il Giappone è bellissimo e sono sicura che ne rimarrai affascinato. Spero di averti dato qualche idea interessante sui luoghi da visitare con questo mio articolo. Buon viaggio!!! 😉
      PS: se metterai le foto del tuo viaggio sul tuo blog, scrivimi il link che le andrò a vedere con piacere.
      Angelica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...